Nelle pagine ingiallite, saggezza invecchiata; nei libri usati, tesori dimenticati.
I racconti di Tomasi di Lampedusa

I racconti di Tomasi di Lampedusa

20.00

La stagione creativa di Giuseppe Tomasi di Lampedusa fu breve ma intensa (1955-57), culminando nel celebre romanzo Il Gattopardo. Oltre a questo, scrisse racconti e opere autobiografiche di qualità equivalente. Il volume include diverse opere, come "Il mattino di un mezzadro" e "Lighea", che esplorano temi profondi con stile coerente. Le opere autobiografiche, come "I luoghi della mia prima infanzia", sono anch'esse di grande valore, delineando il primo percorso dell'autore come scrittore.

1 disponibili

Descrizione
Informazioni addizionali
Due parole sull'autore

Descrizione

La stagione creativa di Giuseppe Tomasi di Lampedusa fu tarda, breve, intensissima. Nei due estremi anni della sua vita (1955-57) non solamente mise insieme gli otto capitoli del Gattopardo, gli ultimi dei quali, a uscirgli dalla penna, furono il quinto e il sesto, composti nell'inverno tra il '56 e il '57, ma anche alcuni racconti e un lungo scritto di carattere autobiografico. Ogni lettore avveduto se ne accorgerà facilmente da sé: è chiaro comunque che le pagine raccolte nel presente volume non sono per nulla infèriori al romanzo, né come impegno, e neppure come valore. Tanto nelle novelle come nello scritto autobiografico é sempre l'autore del Gattopardo che ci
parla: con lo stesso stile, con la stessa voce. La mole minore è un accidente che non tocca la qualità. Il volume si apre con Il mattino di un mezzadro, che, dei tre racconti, è forse il più vicino come materia al Gattopardo Sebbene sia nato -
pare come capitolo iniziale di un nuovo romanzo che si sarebbe dovuto intitolare I gattini ciechi, regge ottimamente anche cosi, come cosa a se stante. Segue La gioia e la legge, un breve apologo, perfetto di tono e di misura. Ma il racconto più importante della raccolta é senza dubbio Lighea, il terzo, scritto nel 1956, dopo una gita che Giuseppe Tomasi di Lampedusa fece nell'agosto di quell'anno lungo la costa meridionale della Sicilia. Al centro della favola, al limite tra il reale e il surreale, si accampa un personaggio formidabile; il vecchio professor La Ciura, il quale, da giovane, conobbe l'amore della Sirena, e non poté poi gustare altro. La carica ideologica condensata in questo disperato vagheggiatore della Morte e del Nulla non è inferiore nemmeno a quella di cui è ricco il "principone" medesimo: il celebre Don Fabrizio Salina, oggi conosciuto in tutto il mondo.
Chiudono il libro I luoghi della mia prima infanzia. Furono scritti a partire dal giugno del '55, e sono importanti non soltanto perché rappresentano il primo tentativo di Tomasi di Lampedusa as a writer.. ma per l'inarrivabile grazia, quasi settecentesca, del loro dettato.. Buttati giù per uso privato, in commemorazione delle due case, parimenti perdute, nelle quali si svolse gran parte dell'infanzia dello. scrittore, questi Luoghi della mia prima infanzia sono, invece, un "pezzo" di prim'ordine; un abbozzo del gran romanzo che già urge alle porte della fantasia, è vero, ma insieme di più, molto di più.

I racconti di Tomasi di Lampedusa
Il mattino di un mezzadro
La gioia e la legge - Lighea
I luoghi della mia prima infanzia
Feltrinelli Economica

Informazioni aggiuntive

Anno ediz

1982

Autore

Editore

Legatura

Brossura

Pagine

132

Spedizione: 3 giorni lavorativi
Pagamento: Bonifico bancario
Reso: Nessun Reso Accettato

Nella stessa categoria

Libri Usati in Vendita
magicnet.it
magnifiercrossmenuchevron-down
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.